Rumore eolico: un indicatore per pianificare e gestire nuovi parchi e per la comunicazione al pubblico

  • Irene Menichini IPCF-CNR
  • Luca Fredianelli Università di Pisa, Dipartimento di Fisica
  • Paolo Gallo ARPAT
  • Diego Palazzuoli ARPAT
  • Gaetano Licitra ARPAT

Abstract

Il rumore è fra le maggiori fonti di disturbo ai cittadini risedenti nelle vicinanze di turbine eoliche. Indicatori di impatto semplici e affidabili sono di notevole interesse in fase di pianificazione territoriale, di autorizzazione e per l'informazione al pubblico. Si riporta lo studio di un indicatore di degrado acustico che consideri la variazione dei livelli di rumore ed il disturbo arrecato ai residenti (DALY e annoyance). L'indicatore è stato sperimentato sui 10 siti utilizzando il modello ISO 9613-2 e NORD2000. L'indicatore permette di valutare il degrado acustico derivante da scelte pianificatorie e può fornire un'immediata informazione al pubblico.

biografie autori

Irene Menichini, IPCF-CNR
IPCF-CNR, UOS di Pisa, via Moruzzi 1, 56124 Pisa
Luca Fredianelli, Università di Pisa, Dipartimento di Fisica

Dipartimento di Fisica, Università di Pisa, Largo B.Pontecorvo 3, 56127 Pisa

Paolo Gallo, ARPAT
Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Via N.Porpora, 50144 Firenze
Diego Palazzuoli, ARPAT
Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Via N.Porpora, 50144 Firenze
Gaetano Licitra, ARPAT
Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, Via N.Porpora, 50144 Firenze
Pubblicato
2017-02-03
Sezione
ARTICOLO